Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

sindacoappendino

Il nostro Governatore Antonietta Fenoglio, unitamente a una delegazione di Rotariani, ha incontrato il Sindaco di Torino Chiara Appendino. Un incontro istituzionale, improntato a molta cordialità e reciproca attenzione, non certo spiegare cos’è il Rotary a chi, figlia e nipote di Rotariani, il Rotary già lo conosce, ma per illustrare al responsabile del governo della Città i principali Service distrettuali.

I referenti delle più rilevanti iniziative di servizio, che vedono impegnati il Distretto e gran parte dei Club, hanno descritto, in modo assai articolato e con ampia e dettagliata documentazione, l’azione svolta dal Rotary contro lo spreco alimentare, contro il bullismo, e in materia di anoressia e osteoporosi. In particolare sono stati sottolineati gli elementi che, al di là delle singole specificità, accomunano i tre Service: da un lato l’azione di sensibilizzazione e di responsabilizzazione, che viene svolta nelle scuole dalle elementari fino alle medie superiori; dall’altro l’impegno dei numerosi professionisti rotariani che si spendono in prima persona in un’opera di sostanziale formazione a favore delle generazioni più giovani.

Aspetti, tutti, che hanno suscitato il forte interesse della Sindaca, sia per il diretto coinvolgimento del mondo della scuola, le cui dinamiche attraggono ovviamente tutta l’attenzione dell’Amministrazione Comunale, sia per l’innovatività di approccio con cui vengono affrontate alcune tra le più complesse problematiche giovanili. Tant’è che la Sindaca ha auspicato la sua personale partecipazione ad alcune delle iniziative già programmate nell’ambito dell’attività di servizio presso gli istituti scolastici coinvolti nei progetti. Disponibilità che è stata subito raccolta dal nostro Governatore e che si concretizzerà già nelle prossime settimane.

Ma la finalità dell’incontro consisteva anche, se non soprattutto, nell’evidenziare la confermata (e comprovata dai fatti) attenzione del Rotary ai bisogni del territorio e quindi nel chiedere, a chi del territorio è direttamente responsabile, che cosa il Rotary può ulteriormente fare per la collettività locale. I bisogni dalla Città sono tanti, e forse non sempre così conosciuti nelle loro sfaccettature. Se il Rotary è servizio, è anche messa a disposizione di risorse, umane e professionali: un messaggio di disponibilità che è stato sicuramente raccolto.