Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

pacini

La grande musica per aiutare Genova: sabato 24 novembre ore 17 a  Palazzo Barolo a Torino, il concerto della pianista Sophie Pacini.

   Note nobili, per un fine ancora più nobile: raccogliere fondi per aiutare le famiglie colpite dalla tragedia dello scorso 14 agosto, quando crollò il ponte Morandi con il suo “carico” di morti, feriti, sfollati.

Il concerto rientra nell’ambito delle iniziative solidali nate dalla collaborazione fra i distretti Rotary di Torino e di Genova: un ponte di solidarietà e di amicizia fra le due città.

   Sabato, 24 novembre, alle ore 17, nella location da favola di Palazzo Barolo (in via delle Orfane 7, nel cuore della città), si esibirà Sophie Pacini, per la prima volta a Torino. Tedesca di origini italiane, è considerata la più importante giovane pianista d’Europa e vanta concerti nelle sale più prestigiose di tutto il mondo (dall’America al Giappone). A questo link è possibile scaricarne la biografia completa.

Se l’iniziativa solidale parte dai distretti Rotary, bisogna sottolineare l’opera di Linus Cultura, associazione che organizza a Mondovì un Festival di successo - il Festival dei Giovani Musicisti Europei - e che ha curato l’organizzazione anche di questo evento. Sophie Pacini, nome di punta della scorsa edizione, ha mantenuto un forte legame con il Festival monregalese (partecipando per esempio alla conferenza di presentazione qualche settimana fa).

    È importante sottolinearlo, suonerà a Torino senza percepire cachet. Segno concreto di vicinanza alla causa. Così come, ed è altrettanto importante sottolinearlo, l’Opera Pia Barolo offre gratuitamente l’utilizzo della sala.

    Il programma del concerto di Sophie Pacini (uno spettacolo unico ed intimo, da sola col suo pianoforte) prevede: Felix Mendelssohn-Bartholdi: Variations serieuses op.54; Frederic Chopin: Fantasia Polonaise op. 61, Fantasie-Impromptu op. 66; Franz Liszt: Consolations Nr.1 & 2; Richard Wagner/Liszt: Tannhäuser Overtüre; Robert Schumann/Liszt: Widmung op.25/1 aus “Myrthen”.

     L’ingresso è ad offerta libera ed i fondi raccolti andranno, come detto, a favore delle famiglie genovesi colpite dalla tragedia del crollo del ponte Morandi.

Scarica il programma dell'evento.