Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

osteoporosi

“Osteoporosi: non solo un problema per vecchi”. Questo il leit motiv che anche quest’anno connoterà il programma di sensibilizzazione sulla prevenzione dell’osteoporosi e i rischi dell’anoressia per le scuole secondarie di secondo grado, promosso dal Distretto 2031 e da 29 Rotary Club piemontesi.

Con l’inizio dell’anno scolastico è infatti ripreso il Programma Scuole Osteoporosi Anoressia, che vedrà numerosi medici rotariani impegnati in prima persona nelle scuole superiori per parlare ai ragazzi del tessuto osseo e dell’osteoporosi e per informarli sui rischi della carenza nutrizionale e dell’anoressia.

     L’iniziativa, che si pone in sostanziale continuità ma in un’ottica di miglioramento, di contenuto e di metodo rispetto allo scorso anno, è stata ufficialmente presentata nei giorni scorsi a Palazzo Lascaris, sede del Consiglio Regionale del Piemonte. Alla presentazione è intervenuto il Presidente del Consiglio Regionale Nino Boeti con un  saluto non formale, ma assolutamente partecipativo allo spirito e alle finalità del progetto, che il Presidente ha del tutto condiviso non solo in ragione della sua appartenenza professionale al mondo della medicina, ma anche come pubblico amministratore, nella cui veste ha voluto evidenziare le future, se non prossime, criticità della sanità pubblica, a fronte della costante diminuzione di risorse, soprattutto professionali.

     Non poteva certo mancare la partecipazione, attenta e interessata, del Governatore Antonietta Fenoglio, che ha ribadito a chiare lettere tutto il suo appoggio ad un Service Distrettuale la cui continuazione anche nel suo anno di governatorato è stata da lei fortemente voluta. Ed è proprio questa linea di continuità che anche il Responsabile del Progetto Carlo Campagnoli ha voluto sottolineare nella presentazione del Programma per l’anno 2018 - 2019.

     Il Distretto 2031 e 29 Rotary Club piemontesi si affiancano nuovamente all’Associazione Prevenzione Anoressia Torino (Pr.A.To.) con un ruolo di primo piano: non solo infatti con un sostegno economico ma anche, come si è detto, con una partecipazione attiva del medici rotariani che si impegnano a sostenere i ragazzi con le loro consulenze negli istituti scolastici.

Lo scorso anno, più di 1500 giovani di età compresa tra i 13 e i 18 anni sono stati informati e formati sui rischi per le ossa di una alimentazione inadeguata nell’adolescenza. Si è così diffusa tra i ragazzi una cultura di attenzione nei confronti delle esigenze del proprio organismo, nel tentativo di contrastare la sottocultura dell’ipersnellezza e della cattiva alimentazione che è assai spesso fattore di rischio per l’anoressia.

      Alla campagna di sensibilizzazione condotta direttamente in classe, anche quest’anno si affianca il concorso a premi per la realizzazione di un elaborato sulla prevenzione dell’osteoporosi e sui rischi dell’anoressia. Agli studenti, la libera scelta dello strumento espressivo e comunicativo: inchiesta; serie di diapositive; video. Non a caso infatti alla presentazione ha partecipato una delegazione delle classi dell’Istituto Alberti Porro di Pinerolo, vincitrici del concorso dello scorso anno. Una rappresentante degli studenti ha sintetizzato il loro lavoro, concretizzatosi in un questionario che, somministrato ai propri compagni, ha fornito importanti indicazioni sull’atteggiamento nei confronti del peso corporeo (con forte tendenza al sottopeso nelle ragazze) e sulle reali conoscenze circa l’osteoporosi e i rischi per l’anoressia.

      Numeroso e assai attento il pubblico presente, che ha sicuramente apprezzato anche i contributi, di pensiero e di proposte, emersi dai successivi interventi del Rappresentante della Direzione Scolastica Regionale cui ha fatto seguito, con una comunicazione di forte spessore concettuale, la Vice Presidente della Commissione Regionale Pari Opportunità. È quindi intervenuta la Rappresentante della Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo ed infine la Vice Presidente della Fondazione per l’Osteoporosi Onlus.

A questo link è possibile scaricare i documenti relativi al progetto.

 Leggi in Area Stampa la rassegna legata all'evento