Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

ToStupinigi Locarno

Il 10 giugno il RC Torino Stupinigi e il Rotary Locarno si sono riuniti in un ambiente festoso per celebrare il nuovo gemellaggio tra i due Club. Nella parte ufficiale della manifestazione, presso la sede del Rotary di Locarno, i due Club si sono presentati con la loro storia e le loro attività principali.

Entrambi i Club sono legati non solo dai valori e dagli obiettivi in un sincero spirito rotariano, ma anche dalla comune appartenenza di Crescenzo Russo, ex membro del Rotary Torino Stupinigi e ora Socio del Club ticinese: infatti, dopo aver trasferito il suo nucleo professionale e familiare a Locarno, Enzo, pur non dimenticando le torinesi origini rotariane,è diventato a tutti gli effetti un rotariano ticinese, ponendosi quindi come garante di una fruttuosa e amichevole partnership tra i due Club. Su suggerimento di Enzo, già a settembre 2017 gli Amici di Locarno hanno avuto l’opportunità di visitare il Rotary Club Torino Stupinigi, scoprendo assieme ai loro Soci vari luoghi d’interesse nella splendida Torino. Cosi l’amicizia tra i due Club ha trovato il suo inizio. Ora i membri del Club torinese hanno contraccambiato la visita cogliendo la felice occasione per ufficializzare il nuovo partenariato.

Dopo una ricca accoglienza culinaria e un pranzo comune ci si è spostati con la funicolare di Locarno per raggiungere il Sacro Monte della Madonna del Sasso, punto d’incontro per scoprire l’omonimo santuario, di grande pregio per posizione, storia e ricchezze artistiche e spirituali.

Vale dunque la pena fare qualche cenno storico-artistico su questo importante sito architettonico e religioso: 

“Il santuario a Orselina sopra Locarno è il più importante della Svizzera italiana. Da secoli i pellegrini si incamminano verso il Sacro Monte, dove, secondo la tradizione, nel 1480 apparve la Vergine Maria al frate Bartolomeo d’Ivrea. il miracolato e i monaci del Convento di San Francesco eressero subito due oratori, dedicati alla Vergine e alla Pietà, che furono consacrati nel 1487. Nel 1502, con la consacrazione dell’oratorio dell’Annunziata eretto ai piedi del montagna, sempre su iniziativa di fra Bartolomeo, si posero le basi giuridiche per la creazione di un Sacro Monte, il cui progetto generale venne completato verso la fine del Cinquecento. L’aspetto attuale della chiesa della Madonna del Sasso risulta da un importante intervento di ingrandimento messo in cantiere tra il 1578 e il 1596 e dall’opera di decorazione realizzata tra il 1587 e il 1620. La navatella settentrionale, il portico di facciata e il loggiato meridionale sono databili tra il 1625 e il 1677. Il coro, la sagrestia, il loggiato settentrionale e le parti alte della facciata e del campanile appartengono invece a trasformazioni e rifacimenti iniziati nel 1890 e conclusi nel 1925. Il restauro generale del convento, su progetto dell’architetto Luigi Snozzi, è stato portato a termine nel 1980. Fra il 2009 e il 2012 il complesso della Madonna del Sasso è stato al centro di ulteriori importanti lavori di restauro sovvenzionati dal Cantone con un investimento di una dozzina di milioni di franchi. Il santuario custodisce al suo interno, oltre al simulacro tardo quattrocentesco della Madonna con il Bambino, un interessante apparato in stucco e pittorico seicentesco, notevoli opere di artisti come Bernardino De Conti, Bramantino e Antonio Ciseri e una ricca collezione di ex voto. Nella chiesa dell'Annunciata si trovano importanti affreschi cinquecenteschi in parte rinvenuti durante il restauro.”

Terminata la visita e fatto ritorno all’Hotel Belvedere, sede storica del Rotary di Locarno, è stata suggellata ufficialmente la nuova partnership. I presidenti dei due Club, tra l’unanime applauso dei numerosi presenti, fedeli interpreti del comune e ormai consolidato sentimento di amicizia tra i due consessi rotariani, hanno firmato l'accordo di parternariato e dato quindi avvio ad un gemellaggio di sicuro successo e di altrettanto sicura longevità.