Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Mastrotisi3

Cari tutti, rotariane e rotariani del Distretto 2031,
Cari tutti, interactiani e rotaractiani del Distretto 2031,

Le visite ai Club procedono regolarmente: sono ad oggi al trentacinquesimo club incontrato. Questo conferma che entro la prima settimana di dicembre, avrò avuto modo di scambiare un saluto con i rotariani presenti in tutti i Club del Distretto. Instaurando piacevoli momenti di condivisione, di grandi iniziative individuali, che lo fanno diventare occasione di crescita.

Dopo un calo iniziale dei soci, sono stata chiamata nei club alla “spillatura” di giovani. Stiamo acquisendo nuovi soci tutti entusiasti e motivati, pur nelle loro diversità: questo è un valore prezioso per il Rotary e per noi come Distretto nel percorso di ripresa. In questo modo sapremo conservare e rinnovare, confermando i principi e i valori rotariani.

Sono molti i progetti che assumono concretezza nei vari Club con l’impegno attivo di molti soci e con i Presidenti, i quali si sono riuniti in importanti raggruppamenti per avvicinarsi ancor di più ai District Grant e ai Global Grant in progetti straordinari. Questo è il Rotary!!!

Il mese che sta iniziando è dedicato alla Fondazione Rotary: tutti potranno trarre vantaggio nel fare services se conoscono bene i regolamenti, soprattutto coinvolgendo i giovani e motivandoli. Se anche in futuro vorrete perseguire progetti finanziati con sovvenzioni globali, troverete altre indicazioni nelle linee guida.

Per dire “STOP ALLA POLIO” ci siamo ritrovati al Teatro Concordia della Venaria Reale per condividere uno spettacolo musicale straordinario, grazie all’organizzazione del Maestro Giorgio Bolognese che ci ha piacevolmente intrattenuti. La città ha mostrato grande partecipazione e interesse per il nostro obbiettivo. Aprendo le porte del teatro alla città abbiamo dato un segno tangibile delle azioni del Rotary, e in particolare di questo importante progetto. L’evento è stato un grande successo per la partecipazione di circa 600 persone, per la visibilità e per il services.

 L’elaborazione del progetto “La diversità degli autistici al servizio dei Beni Culturali - la debolezza dell’uomo diventa forza” procede senza sosta. I tredici Distretti italiani, che hanno aderito concordemente, sono impegnati a vari livelli per evidenziare la tematica della neuro diversità con convegni scientifici, incontri e seminari. L’ultimo svoltosi lo scorso 26 ottobre a Cremona, trattava “Neuro diversità e lavoro”. Lavoro che deve essere adeguato alle varie diversità, ed ai vari interessi, ad esempio con gli animali, con il giardinaggio nei frutteti, ma anche con i beni culturali, fulcro del nostro progetto. Alcuni psichiatri hanno manifestato grande interesse segnalandoci persone idonee da inserire nella ricostruzione delle opere distrutte dal terremoto.

A novembre molti sono gli appuntamenti che preannunciano l’avvicinarsi del Natale, foriere di piacevoli sorprese. La visita all’Archivio di Stato di Torino in “Una notte all’Archivio” darà valore alla nostra storia e ci aiuterà, a tracciare il futuro pur nel cambiamento. In tale occasione saranno visibili per la prima volta alcuni straordinari documenti. Anche questo evento è aperto alle nostre famiglie e alla città.

Se sapremo cogliere e apprezzare il valore del momento, sapremo divulgare meglio e a tutti il messaggio del Rotary.

Il 30 Novembre, ci attende un altro importante incontro: quello del Seminario della Rotary Foundation, all’Accademia Albertina (Torino). In questa occasione avremo le testimonianze concrete dei services rivolti alle necessità del territorio e internazionali, partecipando capiremo meglio perché contribuire con i versamenti per ottenere poi dei vantaggi.

Il Rotary connette il mondo!!

Intanto vi abbraccio tutti,

Giovanna Mastrotisi